DESIO, POLITICO SI DIMETTE E IL PARTITO MINACCIA QUERELE: “BASTA SCRIVERE DEI LEGAMI TRA POLITICA E ‘NDRANGHETA”. IL GRUPPO CRONISTI: ANCORA UN TENTATIVO DI FERMARE LA STAMPA, SOSTEGNO AI COLLEGHI DEL CITTADINO DI MONZA E BRIANZA

Comunicato cittadino di monza jpgIl vicecoordinatore di Forza Italia di Desio che si dimette dopo che la stampa locale chiede conto di alcuni familiari coinvolti nelle inchieste sui clan della ‘ndrangheta in Brianza e il partito diffida i cronisti e promette querele. Un copione che i cronisti lombardi conoscono bene perché somiglia moltissimo a quanto già accaduto a Sedriano – primo Comune lombardo sciolto per mafia nel 2103 – con la vicenda della collega Ester Castano. “Anche in questo caso assistiamo ad una presa di posizione dura nei confronti di quei giornalisti che si permettono di scrivere di vicende gravissime che vedono protagonisti esponenti politici coinvolti nelle inchieste sulla ‘ndrangheta al Nord – sottolinea il Gruppo cronisti lombardi con il supporto dell’Associazione lombarda dei giornalisti -. Una realtà, quella di Desio, più volte al centro di inchieste antimafia, a partire dal maxi blitz del 2010 Infinito/Crimine che portò a oltre 300 arresti tra la Lombardia e la Calabria. Come spesso avviene anche nelle regioni del Sud Italia, sono proprio le testate locali  sempre in prima linea nel raccontare le difficoltà e il malaffare nei territori a pagare un tributo in termini di libertà di informazione e serenità nell’azione dei giornalisti di queste testate”.

Il Cittadino di Monza e Brianza nei giorni scorsi ha pubblicato articoli nei quali si dava delle dimissioni del vicecoordinatore di Forza Italia di Desio dopo che il nome del padre era emerso all’interno delle carte di un’inchiesta che ha recentemente portato in carcere Ignazio Marrone, considerato dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano un esponente del clan Iamonte-Moscato. “La persona in oggetto, sebbene non indagata, è stata intercettata mentre discute con il capoclan di armi, munizioni e di candelotti di dinamite da acquistare a 300 euro l’uno – spiega Cesare Giuzzi, presidente del Gruppo cronisti lombardi -. Alla richiesta di chiarimenti da parte dei cronisti, il figlio ha deciso di dimettersi dall’incarico di vicecoordinatore del partito assunto nel luglio 2015”.

In una missiva rivolta alla cronista Paola Farina e al direttore della testata Martino Cervo, i vertici locali di Forza Italia, “in nome e per conto del partito” comunicano “per l’ultima volta che, qualora si verificasse nuovamente da parte vostra l’associazione delle  figure di Forza Italia al passato ed alle persone allora coinvolte ci vedremo costretti ad adire le competenti sedi a tutela e nel rispetto di tutte le persone che oggi lo rappresentano sul territorio locale e ciò senza ulteriore avviso”. Una lettera che, a giudizio del Gruppo cronisti lombardi, ha un solo ed unico scopo, quello di fermare l’attività dei quei giornalisti che con coraggio e profondo rispetto della professione svolgono il loro lavoro in territori difficili e pesantemente infiltrati dalla ‘ndrangheta.